18 C
Catania
venerdì, Ottobre 30, 2020
Home News Teenager e vaping: la moda e i social media

Teenager e vaping: la moda e i social media

La moda, il gruppo: molto spesso essere adolescenti significa uniformarsi qualitativamente allo stile di vita dei coetanei. L’approvazione passa attraverso canoni ben precisi: il modo di portare un determinato abbigliamento, un oggetto che per forza si deve possedere o un’abitudine. 

E qui sta il rischio: molto spesso le abitudini che il gruppo “impone” non sono salutari. 

La sigaretta elettronica è riconosciuta come uno strumento efficace che aiuta a smettere di fumare. Ma molto spesso, si vedono adolescenti iniziare ad utilizzarla per emulare personaggi famosi o amici.

Ma come si elimina una tendenza senza creare un danno maggiore: è colpa della pubblicità o è colpa del messaggio che viene dato? 

Se da un alto abbiamo la necessità di diffondere uno strumento che aiuta a salvare vite dall’altra abbiamo anche l’obbligo morale di proteggere le categorie più a rischio.

Gli ultimi dati parlano chiaro: secondo le stime dell’American Lung Asssociation, il numero di adolescenti che usano le ecig è aumentato ma bisogna anche rapportare questo aumento ad una diminuzione sostanziale del numero di adolescenti che si approcciano al fumo di sigaretta convenzionale

Ma come mai i teenager svapano?

Da una parte abbiamo una tendenza di gruppo, un bisogno di non distaccarsi dalla massa: l’amico ti incita a provare, dunque perché non farlo. 

In secondo luogo, bisogna considerare che durante l’adolescenza tutto quello che è proibito affascina maggiormente: con le ecig abbiamo la possibilità di nascondere un vizio molto più facilmente.

In ultimo, la pubblicità che circonda questo ambiente sortisce un duplice effetto: la sigaretta elettronica è più sicura di quella tradizionale, i dati lo dimostrano, ma non è concepita per iniziare al fumo chi non ha mai svapato.

Senza contare, che in qualunque forma, la nicotina sui teenager è comprovato causi problemi a livello di salute e di sviluppo.

Un dibattitto quanto mai attuale: l’informazione diventa veicolo di un messaggio dagli effetti molteplici, ma la buona notizia è che le soluzioni esistono.

Da un alto si deve limitare quanto più possibile l’accesso a tali dispositivi sotto una soglia di età. In seguito sviluppare strategie che tengano conto del perchè si accede al vaping in giovane età: capire la motivazione alla base della scelta è l’arma migliore che possediamo per capire quale sia la direzione verso cui muoverci. E se abbiamo a che fare con adolescenti che sono passati allo svapo per smettere di fumare, allora c’è da chiedersi se non sia stata la scelta più giusta.

3,278FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Medici ed ecig: in quanti consigliano i dispositivi a rischio ridotto?

Il mondo della smoking cessation comprende soluzioni diverse, nate con il comune scopo di aiutare i fumatori ad uscire per sempre dalla...

DATI INCORAGGIANTI SULLA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS A TROINA

Nell’indagine su base volontaria, sono stati coinvolti 1312 cittadini, distribuiti per sesso ed età e pari a circa il 14% del totale degli abitanti, mentre per l’Istituto Oasi 474 dipendenti pari a circa il 70% degli operatori attivi. Dai risultati è emerso che dei 1312 volontari, solo 26 (il 2%) sono venuti a contatto con il virus, mentre tra i dipendenti dell’Istituto Oasi sono state rilevate 71 positività su un totale di 474 operatori sanitari sottoposti al test (il 15%).

Australia: l’Università del Queensland presenta un piano radicale per eliminare il fumo

Gli studi condotti dall’Università del Queensland hanno affermato che la prevalenza di fumo in Australia è di poco inferiore al 15 per cento, ma è necessaria una tabella di marcia dettagliata per ridurre tale cifra a zero. Tra le proposte dello stato australiano, la più audace sembrerebbe quella proveniente dal Centre for Research Excellence on Achieving the Tobacco Endgame (CREATE) che suggerisce di ridurre il numero di rivenditori di tabacco e di limitare le vendite a particolari punti vendita come le farmacie.

University of East Anglia: ecig meglio di cerotti e gomme per smettere di fumare

Una ricerca recente aggiorna i dati della Cochrane Review del 2016, aumentando i numeri degli studi considerati che confermano l’efficacia delle ecig nei percorsi di smoking cessation