27.5 C
Catania
lunedì, Luglio 6, 2020
Home Iniziative "Svapo day", i manifestanti: "Rendeteci Liberi!"

“Svapo day”, i manifestanti: “Rendeteci Liberi!”

“Svapo Libero” – è questo lo slogan che centinaia di cittadini italiani ieri mattina hanno urlato tra le strade del centro di Milano.
La giornata dello “Svapo Day- La protesta” si è contraddistinta per essere stata una manifestazione pacifica ma affollata. Tantissime le persone accorse a Piazza San Babila e provenienti da tutta Italia per aderire al movimento di indignazione contro l’assurda tassazione del 58,5% sulle sigarette elettroniche. Una tassa che, non solo ucciderà il mercato mettendo in ginocchio le aziende produttrici e i negozianti ma, soprattutto, non permetterà al consumatore di scegliere liberamente, “Rendeteci Liberi” – urlavano infatti ieri gli svapatori.
Secondo gli organizzatori si sarebbero già raccolte circa duemila firme e la protesta continuerà anche oggi. Mentre a Roma, infatti, scienziati ed esperti del settore discutono insieme ai rappresentanti del Ministero della Salute su come affrontare le criticità derivanti da una normativa troppo rigida sulle sigarette elettroniche, la protesta continua davanti alla sede dei Monopoli di Stato ed i manifestanti “non si fermeranno” – hanno annunciato.
Abbiamo raccolto il pensiero di alcuni di loro: “Continueremo fino a che non arriverà un segnale concreto” – ci dicono. “La protesta questa volta parte dal basso – hanno aggiunto – e lo Stato si renderà conto che non siamo pochi e che vogliamo essere liberi di scegliere per noi stessi e per la nostra salute”.
La LIAF sostiene le manifestazioni di questi giorni: “Perché un sistema di salute pubblica diverso è possibile – ha spiegato il presidente, Lidia Proietti – e la tassazione sulle e-cig non produce effetti positivi né per i consumatori, né per lo Stato”.
3,268FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi

Australia: perché svapare dovrebbe essere più semplice?

Secondo un interessante articolo pubblicato di recente sul quotidiano australiano The Sydney Morning Herald, il Ministro della Salute Greg Hunt avrebbe annunciato...

Estate: una buona stagione per smettere di fumare

In quest’ottica positiva si è propensi a prendere decisioni importanti, come quella di smettere di fumare. L’estate infatti è la stagione adatta perché si è più freschi, più caparbi, si adotta un regime alimentare più sano e si comincia a fare attività fisica, due fattori che si sposano perfettamente con la scelta di dire addio alle sigarette.