31.6 C
Catania
domenica, Luglio 12, 2020
Home Iniziative SMETTI DI FUMARE, LIBERA IL TUO SORRISO - Dona a LIAF e...

SMETTI DI FUMARE, LIBERA IL TUO SORRISO – Dona a LIAF e contribuisci anche tu alla Ricerca

SMETTI DI FUMARE, LIBERA IL TUO SORRISO – Diventa partner LIAF e contribuisci anche tu alla Ricerca 
Il fumo di tabacco rappresenta un importante fattore di rischio per la salute ed il benessere psicofisico e non solo.
Fumare complica la vita e rende difficoltosi anche i rapporti interpersonali. Le principali cause che abbassano il desiderio fisico nei confronti di chi fuma, ad esempio, sono: l’alito cattivo, l’odore sgradevole della pelle, dei capelli e dei vestiti, e soprattutto denti e dita gialli. Inoltre, le abitudini legate alla dipendenza da fumo di sigaretta, come posacenere sporchi, cattivi odori in casa e auto, le spese ingenti per pacchetti ed accendini, oltre l’irritabilità del fumatore per l’astinenza da sigaretta, sono spesso causa di malcontento e litigi nelle coppie. Il fumo di sigaretta accelera il processo di invecchiamento generale, la pelle perde elasticità ed assume un colorito spento, la gestualità tipica del fumatore fa aumentare precocemente le rughe sul viso, soprattutto quelle attorno le labbra.
Smettere di fumare è dunque anche un potente strumento di bellezza e di miglioramento delle relazioni interpersonali, la pelle diventa da subito luminosa, e si potrà dire addio all’alito cattivo, all’odore sgradevole della pelle, dei capelli e dei vestiti, basta più denti gialli.
Anche per questo motivo LIAF ha pensato ad un nuovo progetto rivolto a tutti i medici specialistici che vogliono diventare partner della Lega Italiana Antifumo e contribuire concretamente alla Ricerca per trovare soluzioni alternative alle malattie fumo correlate.
“SMETTI DI FUMARE, LIBERA IL TUO SORRISO”
E’ un progetto rivolto ai fumatori italiani che nasce dalla collaborazione dei medici specialistici ed intende sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi legati al tabagismo e alle malattie fumo correlate. Partecipando al progetto, ogni specialista potrà contribuire attivamente alla Ricerca contro il fumo ed aiutare LIAF a sostenere la battaglia per trovare cure alternative alle malattie fumo correlate.
La donazione non è fine a se stessa. L’aspetto innovativo è proprio quello di consentire agli specialisti del settore di contribuire concretamente alle fasi di analisi e ricerca, facendosi punto di riferimento LIAF nei singoli territori delle regioni d’Italia. Sarà possibile  invogliare i fumatori ad intraprendere un percorso di cessazione dal fumo attraverso l’attivazione di specifici comportamenti e il monitoraggio di esperti del settore.
Informazione, comunicazione, consulenza e assistenza sono gli assi fondamentali con i quali ci proponiamo di agire sul territorio.
Il lavoro di prevenzione, in sinergia con la Lega Italiana Antifumo (LIAF), viene effettuato non solo attraverso i classici interventi di informazione/formazione ma integrando i nuovi approcci di natura esperienziale, e quindi maggiormente attivizzanti, come la misurazione del monossido di carbonio esalato (eCO) quando si fuma e quando si riduce/smette, e l’utilizzo di una sigaretta elettronica di ultima generazione per i soggetti che vogliono aderire alle cure.
LIAF oggi propone un percorso diverso per aiutare i fumatori a smettere, utilizzando anche strumenti alternativi, e coinvolgendo tutti i soggetti interessati in un percorso di rete condiviso e partecipato, importante per diffondere idee e soluzioni nuove che rappresentano una valida alternativa come porta d’uscita dal fumo.
Gli studi medici specialistici sono oggi uno dei punti di riferimento più importanti per milioni di persone.
Se anche tu sei un operatore della salute, un medico o un esperto del settore chiama LIAF e scopri come partecipare alla Lotta contro il fumo.
Per maggiori informazioni scarica il progetto
3,265FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

FDA: le IQOS (dispositivi che non bruciano) sono a rischio modificato

Secondo le nuove linee guida, l'IQOS è un “modified-risk tobacco product application” – MRTPA, ovvero un "dispositivo a rischio modificato". Ciò significa che può essere commercializzato come un prodotto che non danneggia come le sigarette convenzionali avendo, come dimostrato da diversi studi, delle caratteristiche diverse.

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi