18 C
Catania
venerdì, Ottobre 30, 2020
Home News Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016.

Su un campione rappresentativo della popolazione americana di 13’311 soggetti maggiorenni, lo studio Dependence on E-Cigarettes and Cigarettes in a Cross-Sectional Study of US Adults ha riportato che l’utilizzo delle sigarette elettroniche è associato con una dipendenza più bassa dalla nicotina che quella provocata dal fumo della sigaretta convenzionale.

Analizzando nel dettaglio le associazioni tra assuefazione alla nicotina ed ecig, considerando sia fumatori abituali che ex fumatori che utilizzatori duali, tassi di dipendenza più alta tra i vapers sono stati osservati tra coloro che hanno recentemente smesso di fumare.

Interessanti anche i risultati che riguardano i soggetti che hanno abbondato anche la sigaretta elettronica: secondo i ricercatori, i vapers sono meno dipendenti dalla sigaretta elettronica di quanto non lo fossero con quella tradizionale.

Risultati consistenti con una precedente ricerca del 2017 del National Institutes of Health and the Center for Tobacco Products condotta su 3’586 partecipanti, sia fumatori regolari che vapers (nello studio le percentuali erano rispettivamente del 95% e del 5%).

I ricercatori hanno analizzato le abitudini dei vapers e hanno rilevato, limitatamente al campione ristretto studiato, che chi utilizza ecig ha meno voglia di fumare in luoghi con particolari restrizioni ed non tende a considerare se stesso dipendente dallo strumento.

È ovvio che, rispetto alle sigarette elettroniche, dobbiamo tratteggiare un concetto di dipendenza legato alla pratica, sia per l’assuefazione che le percentuali di nicotina presenti nei liquidi da svapo posso causare, sia per la ritualità similare a quella della sigaretta convenzionale. 

Considerando però le teorie sulla riduzione del danno, l’eliminazione delle tossine provenienti dalla combustione della sigaretta convenzionale ha un impatto in termini di salute complessiva: la nicotina in sé, infatti, non è causa delle patologie spesso correlate al fumo e, secondo alcune teorie, potrebbe svolgere una funzione protettiva nei confronti di infezioni e similari.

3,278FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Medici ed ecig: in quanti consigliano i dispositivi a rischio ridotto?

Il mondo della smoking cessation comprende soluzioni diverse, nate con il comune scopo di aiutare i fumatori ad uscire per sempre dalla...

DATI INCORAGGIANTI SULLA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS A TROINA

Nell’indagine su base volontaria, sono stati coinvolti 1312 cittadini, distribuiti per sesso ed età e pari a circa il 14% del totale degli abitanti, mentre per l’Istituto Oasi 474 dipendenti pari a circa il 70% degli operatori attivi. Dai risultati è emerso che dei 1312 volontari, solo 26 (il 2%) sono venuti a contatto con il virus, mentre tra i dipendenti dell’Istituto Oasi sono state rilevate 71 positività su un totale di 474 operatori sanitari sottoposti al test (il 15%).

Australia: l’Università del Queensland presenta un piano radicale per eliminare il fumo

Gli studi condotti dall’Università del Queensland hanno affermato che la prevalenza di fumo in Australia è di poco inferiore al 15 per cento, ma è necessaria una tabella di marcia dettagliata per ridurre tale cifra a zero. Tra le proposte dello stato australiano, la più audace sembrerebbe quella proveniente dal Centre for Research Excellence on Achieving the Tobacco Endgame (CREATE) che suggerisce di ridurre il numero di rivenditori di tabacco e di limitare le vendite a particolari punti vendita come le farmacie.

University of East Anglia: ecig meglio di cerotti e gomme per smettere di fumare

Una ricerca recente aggiorna i dati della Cochrane Review del 2016, aumentando i numeri degli studi considerati che confermano l’efficacia delle ecig nei percorsi di smoking cessation