30.1 C
Catania
sabato, Luglio 11, 2020
Home Scienza Sconfiggere le sigarette con il vaccino?

Sconfiggere le sigarette con il vaccino?

E’ di questi ultimi giorni la notizia di un “prodigioso” vaccino antifumo in grado di neutralizzare l’azione della nicotina mediante la capacità di indurre anticorpi antinicotina. Il vaccino antifumo sembra poter alimentare le speranze del popolo degli aspiranti ex-fumatori, spesso bloccati nelle loro intenzioni dal classico “vorrei ma non posso!”. La fase di sperimentazione appena terminata ha ottenuto risultati sorprendenti; pare infatti che il vaccino sia di norma ben tollerato e che sia in grado di agevolare la produzione di anticorpi contro la nicotina, bloccando sia la dipendenza che l’induzione al fumo. Tuttavia è importante fare delle riflessioni in relazione ai proclami trionfalistici sul vaccino antifumo.

E’ noto come la comunità scientifica abbia già da tempo manifestato delle perplessità sul razionale teorico di un vaccino antinicotina e il dibattito sulla validità su questa tipologia di approccio rimane aperto. La presenza di anticorpi antinicotina in circolo riduce certamente la quantità di nicotina che raggiunge il cervello impedendone il transito attraverso la barriera ematoencefalica.

Tuttavia, nei pazienti con manifesta dipendenza nicotinica (vale a dire la grande maggioranza dei fumatori!) questo rischia di tradursi in un atteggiamento di compenso inconscio da parte del fumatore con un maggior numero sigarette/boccate al fine di garantire stabili livelli cerebrali di nicotina necessari ad evitare i sintomi astinenziali.

In pratica si rischia addirittura di fumare di più per cercare di saturare gli anticorpi circolanti e permettere quindi libero accesso al cervello a quelle molecole di nicotina che non si trovano legate all’anticorpo.

Quindi il trovarsi in una situazione dove le molecole di nicotina sono legate ad anticorpi circolanti che ne impediscono la libera circolazione a livello cerebrale equivale al non introdurre nicotina nell’organismo (con tutti i disagi che i fumatori che tentano di smettere ben conoscono).

Ciò nondimeno, il vaccino antifumo può risultare vantaggioso nella prevenzione delle ricadute nei pazienti che sono stati avviati a programmi di disassuefazione dal fumo di sigaretta.

3,266FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

FDA: le IQOS (dispositivi che non bruciano) sono a rischio modificato

Secondo le nuove linee guida, l'IQOS è un “modified-risk tobacco product application” – MRTPA, ovvero un "dispositivo a rischio modificato". Ciò significa che può essere commercializzato come un prodotto che non danneggia come le sigarette convenzionali avendo, come dimostrato da diversi studi, delle caratteristiche diverse.

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi