27.9 C
Catania
mercoledì, Luglio 8, 2020
Home Comunicati stampa Riccardo Polosa partecipa all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite

Riccardo Polosa partecipa all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite

Riccardo Polosa domani a New York parteciperà alla Terza Assemblea Generale delle Nazione Unite istituita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) sulle malattie non trasmissibili.

Un’occasione unica per il direttore del CoEHAR, il Centro di Ricerca internazionale per la Riduzione del Danno da Fumo dell’Università degli Studi di Catania, che interverrà come autorevole membro della comunità scientifica internazionale per parlare di politiche di salute pubblica e di soluzioni utili a ridurre l’impatto del fumo nel mondo.

Dalle 11.00 del mattino di New York (le 17.00 ora italiana) e sino alle 15 (le 21.00 in Italia) il prof. Polosa parteciperà al Multi-stakeholder Panels 1, la sessione durante la quale si affronteranno due temi importanti: il rafforzamento dei sistemi necessari per prevenire e controllare le malattie non trasmissibili e la promozione di stili di vita più sani. Ricordiamo che queste malattie (rappresentate dal cancro, dalle malattie cardiovascolari, dal diabete e dai disturbi respiratori cronici) rappresentano oggi il principale rischio per la salute e lo sviluppo umano e hanno come fattore di rischio primario proprio l’abitudine al fumo

Ad Ottobre 2017, la stessa Commissione delle Nazioni Unite ha pubblicato il documento “Time to deliver: report of the WHO Independent High-Level Commission on Noncommunicable Diseases” con il quale sono state elencate le raccomandazioni prioritarie per contrastare la comparsa delle malattie non trasmissibili causate principalmente dal tabagismo, dall’abuso di alcol, dall’alimentazione non corretta e dai bassi livelli di attività fisica.

L’obiettivo degli scienziati, oggi, è quello di presentare al vaglio della Commissione proposte ed esempi di buone pratiche già condivise con successo in altri Paesi del mondo. 

Prof. Riccardo Polosa

L’attenzione mediatica verso questo evento di portata globale deve fare da eco alla grande rivoluzione che il mondo sta vivendo – ha detto il prof. Polosa prima della partenza per gli Stati Uniti – presenterò a NY le evidenze scientifiche ed i risultati raggiunti in molti Paesi in questi anni. Stiamo combattendo il fumo cercando di cambiare definitivamente lo stile di vita di intere generazioni. Ma è necessario che le Istituzioni ci supportino in questo cambiamento che può rappresentare una grande opportunità”.

 

Polosa partecipa all’assemblea anche come consulente scientifico di INNCO, la coalizione globale di associazioni di svapatori che, peraltro, proprio pochi giorni fa ha inviato all’Organizzazione Mondiale della Sanità una lettera aperta con la quale ha presentato le seguenti richieste:

  • Riconoscere l’uso di sigarette elettroniche come parte efficace della strategia di riduzione del danno;
  • Invertire la decisione presa alla COP7 per invitare i paesi a prendere in considerazione misure normative più restrittive sull’uso delle elettroniche;
  • Confermare che le sigarette elettroniche devono essere regolamentate come prodotti diversi dai tradizionali prodotti del tabacco.

Le decisioni che verranno prese a New York saranno il punto di partenza di un nuovo modo di pensare e programmare la prevenzione globale. E’ una settimana fondamentale per le scelte future di politica antifumo.

Dal 1 al 6 Ottobre, infatti, a Ginevra si terrà l’ottava sessione della Conferenza delle Parti (COP 8) alla Convenzione quadro dell’OMS per il controllo del tabacco.

 

LEGGI LA VERSIONE IN INGLESE

 

 

3,267FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi

Australia: perché svapare dovrebbe essere più semplice?

Secondo un interessante articolo pubblicato di recente sul quotidiano australiano The Sydney Morning Herald, il Ministro della Salute Greg Hunt avrebbe annunciato...