15.1 C
Catania
domenica, Aprile 5, 2020
Home News Public Health England: distinzioni di rischio tra ecig e bionde convenzionali

Public Health England: distinzioni di rischio tra ecig e bionde convenzionali

Public Health England pubblica una serie di raccomandazioni per le organizzazioni di salute pubblica in materia di tabagismo ed ecig

Ad oggi, sappiamo che le sigarette elettroniche aiutano ogni anno tra i 50000 e i 70000 fumatori a smettere in Inghilterra. Tali strumenti a rischio ridotto abbinati a un costante supporto psicologico, aumentano tassi di successo tra i fumatori, come emerso da un trial randomizzato del 2019.

Per scongiurare il pericolo che campagne di informazioni fallaci non siano chiare circa le distinzioni in termini di rischio tra sigarette elettroniche e bionde convenzionali, Public Health England ha pubblicato una serie di raccomandazioni da seguire a livello istituzionale:

  1. Assicurarsi che le politiche siano chiare nell’esprimere la distinzione tra sigarette e vaping e che si fondino su prove scientifiche affidabili.
  2. Incorporare l’uso di sigarette elettroniche nei trattamenti di smoking cessation, includendo direttive chiare sulle modalità di accesso a tali strumenti da parte dei pazienti e come approcciarvisi.
  3. Includere informazioni sulle ecig nelle politiche di Smoking cessation istituzionali, con processi regolamentati.
  4. Allinearsi con le direttive di Smoking: acute, maternity and mental health services (PH 48).
  5. Chiarire che tali politiche si applicano indistintamente allo staff, ai pazienti e al pubblico, dunque tenere conto di qualsiasi categoria quando si emano tali direttive.
  6. Formare uno staff competente.
  7. In caso di pazienti che stanno provando a smettere, non affrettarli ad interrompere l’uso con la sigaretta elettronica, perché si potrebbe incentivare una ricaduta.

 

 

 

 

3,229FansLike
172FollowersFollow
541FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Ultimi articoli

Il Prof. Polosa fa chiarezza sul tempo di sopravvivenza del Coronavirus su pareti e superfici

Gli autori dell’articolo riportano che il virus possa rimanere vitale sulle superfici sino a un massimo di 3 giorni. Secondo Polosa, sono davvero troppi.

Smartphone e COVID-19: il limite tra privacy e necessità

Dalla Cina all'Europa, numerose sono le soluzioni proposte per monitorare e contrastare l'emergenza da COVID-19, utilizzando gli smartphone o i dispositivi indossabili. Ma esiste un limite?

Questionario COVID per fumatori e non, svapatori e non

Pochi minuti del vostro tempo saranno necessari per aiutare i ricercatori della Lega Italiana Anti Fumo e del CoEHAR a trovare le...

Teenager e vaping: la moda e i social media

Essere teenager significa doversi rapportare con il gruppo, con la moda, con la necessità di sentirsi accettati. E che le relazione intercorre tra il vaping e i soggetti più giovani?