28.6 C
Catania
martedì, Agosto 4, 2020
Home News Public Health England: distinzioni di rischio tra ecig e bionde convenzionali

Public Health England: distinzioni di rischio tra ecig e bionde convenzionali

Public Health England pubblica una serie di raccomandazioni per le organizzazioni di salute pubblica in materia di tabagismo ed ecig

Ad oggi, sappiamo che le sigarette elettroniche aiutano ogni anno tra i 50000 e i 70000 fumatori a smettere in Inghilterra. Tali strumenti a rischio ridotto abbinati a un costante supporto psicologico, aumentano tassi di successo tra i fumatori, come emerso da un trial randomizzato del 2019.

Per scongiurare il pericolo che campagne di informazioni fallaci non siano chiare circa le distinzioni in termini di rischio tra sigarette elettroniche e bionde convenzionali, Public Health England ha pubblicato una serie di raccomandazioni da seguire a livello istituzionale:

  1. Assicurarsi che le politiche siano chiare nell’esprimere la distinzione tra sigarette e vaping e che si fondino su prove scientifiche affidabili.
  2. Incorporare l’uso di sigarette elettroniche nei trattamenti di smoking cessation, includendo direttive chiare sulle modalità di accesso a tali strumenti da parte dei pazienti e come approcciarvisi.
  3. Includere informazioni sulle ecig nelle politiche di Smoking cessation istituzionali, con processi regolamentati.
  4. Allinearsi con le direttive di Smoking: acute, maternity and mental health services (PH 48).
  5. Chiarire che tali politiche si applicano indistintamente allo staff, ai pazienti e al pubblico, dunque tenere conto di qualsiasi categoria quando si emano tali direttive.
  6. Formare uno staff competente.
  7. In caso di pazienti che stanno provando a smettere, non affrettarli ad interrompere l’uso con la sigaretta elettronica, perché si potrebbe incentivare una ricaduta.

 

 

 

 

3,265FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Fumare per alleviare lo stress, ma la tua salute sessuale è a rischio

Secondo le stime, le patologie non trasmissibili quali malattie cardiovascolari, metaboliche oncologiche e respiratorie causano oltre 15 milioni di morti. Per tali patologie, uno dei fattori di rischio più diffusi è il fumo, che nei soggetti maschili è una dipendenza associata a disfunzioni erettili e parametri spermatici alterat

La confusione globale dell’impatto della nicotina sulla salute rende vani gli sforzi per smettere di fumare

La confusione globale dell’impatto della nicotina sulla salute rende vani gli sforzi per smettere di fumare. Un nuovo studio ha analizzato le percezioni di oltre 55.000 consumatori di nicotina in sette paesi diversi.

San Raffaele di Milano: fra i malati di Covid-19 ci sono pochi fumatori

Le continue ricerche dei medici del San Raffaele di Milano confermano che il Sars-cov2 colpisca con meno frequenza i fumatori.

SAI DAVVERO COS’È LA RIDUZIONE DEL DANNO DA TABACCO?

Nell'ultimo decennio, i dispositivi a basso rischio per sostenere i programmi di riduzione del danno da tabacco hanno sollevato sia opinioni positive sull'efficacia di questi prodotti sia reazioni fortemente contrarie.