31.6 C
Catania
domenica, Luglio 12, 2020
Home News Polosa: “Finalmente un riconoscimento istituzionale sul potenziale delle e-cig, adesso è tempo...

Polosa: “Finalmente un riconoscimento istituzionale sul potenziale delle e-cig, adesso è tempo di salvare le vite”

“Se il 50% dei fumatori passasse a far uso di sigarette elettroniche, in Italia si potrebbero salvare 19 mila vite ogni anno e risparmiare quasi 2 miliardi di costi sanitari” – sono i dati emersi dalX Congresso della Società italiana di tabaccologia (Sitab) conclusosi da poco a Torino.
Dati attendibili e riferibili a quelli già diffusi da LIAFnegli ultimi anni di intensa attività. Globalmente 1,3 miliardi di persone fumano e l’Oms stima che nel 21° secolo vi saranno fino a un miliardo di morti premature legate al tabacco, tutte completamente prevenibili. Secondo il report 2013 dell’ISS, sono 500 mila in Italia gli utilizzatori abituali di e-cig e di questi è ragionevole stimare che circa il 10% smetta di fumare.
“E’ facile intuire che circa 50 mila persone hanno già sostituito le bionde con le e-cig facendo risparmiare 60 milioni di euro alle casse dello Stato – commenta il presidente LIAF, prof.ssa Lidia Proietti – Se provassimo ad estendere lo stesso ragionamento agli oltre 10 milioni di fumatori in Italia, potremmo affermare serenamente che circa un milione di persone potrebbe smettere di fumare, con un risparmio stimato per il SSN di oltre 1 miliardo e 200 milioni di euro”.
“La sigaretta elettronica rappresenta una valida alternativa al fumo, è utile per smettere di fumare o ridurre il consumo di tabacco e la sua diffusione potrebbe far ridurre i costi del sistema sanitario italiano in maniera esponenziale. Finalmente anche l’Istituto Superiore di Sanità lo ha riconosciuto. Adesso è tempo di salvare le vite dei milioni di fumatori a cui può essere data una nuova opportunità” – è quanto afferma Riccardo Polosa, docente dell’Università degli Studi di Catania e direttore scientifico di LIAF, che commenta così i dati presentati dall’ISS al Sitab, secondo i quali un fumatore su due può abbandonare l’uso della sigaretta tradizionale con una significativa riduzione del danno respiratorio grazie a un uso guidato della sigaretta elettronica.
Considerato l’autore più produttivo al mondo nel campo della Ricerca sulla sigaretta elettronica, il prof. Polosa, insieme ai ricercatori LIAF, ha condotto diversi studi che hanno dimostrato scientificamente che la sigaretta elettronica è senza dubbio meno dannosa delle sigarette convenzionali, ed è un valido strumento per la riduzione o la cessazione del consumo di tabacco, nonché per la riduzione del danno provocato dal fumo, anche in popolazioni vulnerabili.
Svapare sembra essere la miglior soluzione ad oggi conosciuta per uscire dal tabagismo. A dirlo è stato anche uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista medico-scientifica ADDICTION – che dimostra come in assoluto le sigarette elettroniche rappresentano il metodo più efficace per smettere di fumare.
3,265FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

FDA: le IQOS (dispositivi che non bruciano) sono a rischio modificato

Secondo le nuove linee guida, l'IQOS è un “modified-risk tobacco product application” – MRTPA, ovvero un "dispositivo a rischio modificato". Ciò significa che può essere commercializzato come un prodotto che non danneggia come le sigarette convenzionali avendo, come dimostrato da diversi studi, delle caratteristiche diverse.

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi