11.1 C
Catania
sabato, Novembre 28, 2020
Home News POLOSA E TOMASELLI DESIGNATI EDITORI DI UNA IMPORTANTE RIVISTA PER LA RICERCA...

POLOSA E TOMASELLI DESIGNATI EDITORI DI UNA IMPORTANTE RIVISTA PER LA RICERCA SUL COVID-19

SI INVITANO I RICERCATORI DELL’ATENEO AD INVIARE CONTRIBUTI SCIENTIFICI SUL TEMA “COVID-19”

Catania, 9 Novembre 2020 – La prestigiosa rivista internazionale “International Journal of Environmental Research and Public Health” ha invitato il Prof. Riccardo Polosa e la Prof.ssa Venera Tomaselli del CoEHAR dell’Università degli Studi di Catania a coordinare in qualità di Editori lo Special Issue della rivista sul COVID-19.

I docenti etnei si occuperanno di vagliare tutto il materiale che verrà loro inviato da autori e ricercatori di tutto il mondo per realizzare la prima selezione internazionale di studi approfonditi sulla pandemia che sta cambiando l’assetto globale del sistema sanitario. Un incarico di grande rilevanza che sottolinea la forza della ricerca scientifica che, in un momento così delicato come quello che stiamo vivendo, deve essere basata sulla collaborazione, sulla condivisione e sulla specializzazione dei vari ambiti di appartenenza scientifica.

Questo nuovo Special Issue riguarderà tutte le ricerche sul Covid-19, dall’epidemiologia fino alle risposte in materia di salute pubblica, spaziando tra tematiche quali la distribuzione geospaziale della malattia, le possibili misure di controllo della patologia, la valutazione dei provvedimenti a livello regionale e nazionale e le decisioni in materia di salute pubblica che hanno arginato la diffusione dell’epidemia.

“Sono certo che questa importante avventura editoriale contribuirà a fare chiarezza su punti di fondamentale importanza per i ricercatori di tutto il mondo. Il nostro impegno sarà quello di selezionare e avviare il più velocemente possibile alla pubblicazione i contributi con maggiore impatto sugli aspetti etici, organizzativi, e clinici del COVID-19” – ha commentato il prof. Polosa.

“Il nostro ateneo è coinvolto in un lavoro editoriale di livello internazionale che auguriamo possa contribuire al controllo di ipotesi sulle implicazioni cliniche, epidemiologiche e sociali collegate all’impatto dell’evento pandemico COVID-19 sulla salute pubblica” – ha aggiunto la prof.ssa Tomaselli.

Soddisfazione anche da parte del prof. Giovanni Li Volti, direttore del CoEHAR per questo grande risultato raggiunto dal Centro di Ricerca catanese che ancora una volta dimostra la sua grande capacità di internazionalizzare attività, progetti e risultati, nell’obiettivo comune di creare percorsi eccellenti per i giovani ricercatori siciliani a cui chiede con forza: “Mandateci i vostri studi, aiutateci a trovare le risposte più concrete. Scriviamo insieme il futuro del sistema sanitario mondiale”.

Per ulteriori informazioni, clicca qui.

3,275FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Fumo e pandemia: come combattere l’abitudine?

Mentre la seconda ondata di infezione da Covid-19 colpisce il mondo e un nuovo lockdown è in vista, aumentano anche le tensioni psicologiche sulle persone. Cosa abbiamo imparato dalla pandemia da un punto di vista psicologico?

VAPING: Lo studio che dimostra come l’esperienza sensoriale aiuta a smettere di fumare

Il vaping vince dove le terapie ufficiali hanno fallito. Ma qual è il segreto del suo successo? Questo si sono chiesti i ricercatori DiPiazza, Caponnetto, Askin, Christos, Maglia, Gautam, Roche e Polosa. Il frutto di tale ricerca è stato appena pubblicato sulla prestigiosa rivista internazionale Harm Reduction Journal.

Gerry Stimson: a che punto è la riduzione del danno da fumo?

Diversi gli scienziati e i medici che da allora, dedicano la propria carriera alle persone che fanno uso di eroina e altre sostanze stupefacenti. “Grazie alla mia esperienza, mi sono ritrovato a sviluppare e valutare l'approccio alla riduzione del danno, prima ancora che fosse conosciuto come tale nel Regno Unito. Il mio lavoro si è sempre concentrato sulle persone che si iniettavano droghe e rischiavano di contrarre l'infezione da HIV”, racconta Gerry Stimson, scienziato e docente inglese.

Nuova Zelanda: grazie allo svapo è in calo la vendita di sigarette

Dopo aver analizzato i rendimenti delle aziende produttrici di tabacco, l'ente End Smoking NZ ha dichiarato che lo scorso anno sono state vendute 410 milioni di sigarette in meno rispetto a due anni fa, sottolineando quanto sia importante incoraggiare i fumatori a passare ad alternative più sicure.