11.4 C
Catania
mercoledì, Aprile 8, 2020
Home Iniziative Parte STOP alle sigarette! In occasione di EXPO BIMBO 2014 centinaia le...

Parte STOP alle sigarette! In occasione di EXPO BIMBO 2014 centinaia le iscrizioni

Vuoi smettere di fumare e stai cercando una soluzione innovativa? Al “Policlinico Vittorio Emanuele” di Catania, via al progetto per dire “STOP!” alle sigarette convenzionali. L’Università degli Studi di Catania, leader mondiale nella lotta al tabagismo, e LIAF – Lega Italiana Anti Fumo presentano il programma “STOP!”.
Un progetto di ricerca che offre ad ogni paziente la possibilità di entrare a far parte di un percorso medico assistenziale gratuito, utile per smettere di fumare più velocemente grazie alla consulenza personalizzata dei medici del Centro per la Prevenzione e Cura al Tabagismo (CPCT) del “Policlinico Vittorio – Emanuele” di Catania. “STOP alle sigarette” offre ai pazienti un percorso di supporto psicologico e clinico, nel rispetto dei tempi e delle esigenze di ogni fumatore, attraverso il quale sarà possibile utilizzare tutti gli strumenti alternativi alla sigaretta convenzionale per riuscire a trovare quello più adatto alle proprie esigenze.
Ogni anno, solo in Europa, si stimano circa 700 mila morti per malattie fumo correlate. Una piaga che deve essere fermata. Per il prof. Riccardo Polosa, direttore scientifico della Lega Italiana Anti Fumo e ordinario di Medicina Interna del Policlinico di Catania: “Si tratta di una grande opportunità per tutti fumatori della provincia etnea, una importante occasione per farsi accompagnare davanti l’agognata porta d’uscita dal fumo”.
Ma “STOP!” è anche un modo per aiutare la Ricerca: “Per sostenere i nostri ricercatori – ha detto il dott. Pasquale Caponnetto, responsabile del CPCT di Catania – che all’interno dei laboratori del Policlinico cercano quotidianamente di trovare una soluzione definitiva per far smettere di fumare milioni di persone”.
E’ un compito arduo che potrebbe consentire di salvare milioni di vite in tutto il mondo. STOP!, infatti permetterà di dire basta non solo alle sigarette dei singoli fumatori ma anche a quelle di milioni di persone. Il progetto è aperto a tutti i fumatori, residenti nella provincia di Catania e partecipare è semplicissimo, basta compilare il modulo di iscrizione presente sul sito www.liafmagazine.it
In occasione di EXPO BIMBO 2014 – la manifestazione fieristica che si è svolta presso il Centro Commerciale di Etnapolis – lo stand di LIAF ha ricevuto centinaia di richieste di iscrizione al programma.
Un successo che il presidente, prof.ssa Lidia Proietti si aspettava: “STOP intende parlare ai fumatori delle piccole realtà territoriali, vogliamo essere un presidio territoriale capace di parlare a tutti. In un momento così difficile per il nostro Paese – ha aggiunto – noi stiamo offrendo ai cittadini la possibilità di sperare in aspettative di vita migliori e di avere una vita più sana e più pulita”.
3,240FansLike
175FollowersFollow
539FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Ultimi articoli

ATTIVO NUMERO NAZIONALE  DI ASSISTENZA PSICOLOGICA GRATUITA PER LE PERSONE COLPITE  DALL’EMERGENZA CORONAVIRUS

LIAF Lega Italiana Antifumo, grazie al supporto tecnico ed alla collaborazione con Netith, azienda leader di mercato nella Costumer Experience, ha deciso di rispondere a queste richieste attivando un servizio telefonico di assistenza psicologica gratuita disponibile tutti i giorni dalle 8 alle 20 al numero: 0952292444.

Il Prof. Polosa fa chiarezza sul tempo di sopravvivenza del Coronavirus su pareti e superfici

Gli autori dell’articolo riportano che il virus possa rimanere vitale sulle superfici sino a un massimo di 3 giorni. Secondo Polosa, sono davvero troppi.

Smartphone e COVID-19: il limite tra privacy e necessità

Dalla Cina all'Europa, numerose sono le soluzioni proposte per monitorare e contrastare l'emergenza da COVID-19, utilizzando gli smartphone o i dispositivi indossabili. Ma esiste un limite?

Questionario COVID per fumatori e non, svapatori e non

Pochi minuti del vostro tempo saranno necessari per aiutare i ricercatori della Lega Italiana Anti Fumo a trovare le risposte per combattere il #COVID.