25.4 C
Catania
venerdì, Luglio 10, 2020
Home Comunicati stampa Lotta al tabagismo: l’Università di Catania e i farmacisti siciliani

Lotta al tabagismo: l’Università di Catania e i farmacisti siciliani

 Nell’ambito del progetto nazionale CCM2 del Ministero della Salute dedicato alle attività di contrasto al tabagismo, il Centro per la Prevenzione e Cura del Tabagismo (CPCT), dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria “Policlinico-Vittorio Emanuele”, è stato premiato per il miglior contributo scientifico.
Il progetto premiato, “Formazione dei farmacisti e degli assistenti di farmacia nel modello di cambiamento nella cessazione del fumo: uno studio controllato e randomizzato in Sicilia”, è il frutto di una partnership tra Università di Catania e SOFAD.
<< I farmacisti hanno un ruolo importante nella promozione della salute – afferma il Prof. Riccardo Polosa responsabile del CPCT dell’Università di Catania – pertanto si è ritenuto fondamentale dar loro una corretta informazione in merito alle cure antitabagiche. Grazie al coinvolgimento attivo dei farmacisti abbiamo registrato un aumento delle persone che si sono rivolte al centro antifumo per smettere>>.
<<La formazione ai farmacisti si è focalizzata sulla capacità di comunicare con il paziente, fornendo corrette informazioni sul problema del tabagismo e un sostegno concreto per smettere – afferma il Dott. Caponnetto Psicologo Clinico del CPCT dell’Università di Catania – inoltre sono state date nozioni riguardanti le terapie farmacologiche.
I farmacisti siciliani partecipanti al progetto hanno dichiarato che la formazione ricevuta gli è stata utile per avere un miglior approccio con il cliente fumatore.
Il Dott. Pasquale Caponnetto ha ritirato il premio durante il convegno conclusivo del Progetto CCM2 del Ministero della Salute, intitolato “Sostegno alle iniziative di controllo del tabagismo: dalla pianificazione regionale alla pianificazione aziendale”, tenutosi a Reggio Emilia dal 13 al 15 dicembre 2010.
3,266FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

FDA: le IQOS (dispositivi che non bruciano) sono a rischio modificato

Secondo le nuove linee guida, l'IQOS è un “modified-risk tobacco product application” – MRTPA, ovvero un "dispositivo a rischio modificato". Ciò significa che può essere commercializzato come un prodotto che non danneggia come le sigarette convenzionali avendo, come dimostrato da diversi studi, delle caratteristiche diverse.

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi