22.2 C
Catania
martedì, Luglio 14, 2020
Home Consigli dal Centro Antifumo LIAF e "For Men": ecco i 30 modi per smettere di fumare

LIAF e “For Men”: ecco i 30 modi per smettere di fumare

E’ stata appena pubblicata nel numero di Luglio della rivista For Men” la lista completa dei 30 metodi efficaci per smettere subito di fumare! In quattro pagine interamente dedicate al fumo la giornalista Roberta Maresci con il supporto dei ricercatori della Lega Italiana Anti Fumo elenca gli strumenti più e meno noti che consentono di uscire dalla porta del tabagismo.

Il primo, come commenta il prof. Riccardo Polosa, è di certo l’utilizzo della sigaretta elettronica: “Il 30% dei fumatori che passa allo svapo smette definitivamente di fumare. L’assenza di combustione rende questo strumento 96 volte meno dannoso rispetto alla sigaretta convenzionale”.

In ordine alfabetico, poi, ecco i 30 metodi consigliati da “For Men” e commentati dai ricercatori dell’Università di Catania e della Lega Italiana Anti Fumo:

  1. Action Plan che – come ha spiegato la nostra Daniela Saitta dell’Università di Catania – consente di stabilire una data di cessazione da fumo e di essere più motivati ad abbandonare. 
  2. Alimentazione. Esistono alimenti che aiutano a smettere e altri viceversa fanno fumare di più. La “dieta antifumo” è quella già fornita dal nostro nutrizionista Massimo Caruso. 
  3. App: sono tantissime quelle che si possono scaricare dal cellulare ma “è il monitoraggio dell’abitudine che può aiutare a smettere” – ha spiegato l’esperta in comunicazione, Valeria Nicolosi.
  4. Counselling Antifumo: il metodo più sicuro dal punto di vista motivazionale con una percentuale di successo che si attesta tra il 20 e il 35% come spiega la nostra psicologa Marilena Maglia. 
  5. Farmaci. Il parere di un medico per questo metodo è indispensabile ma è proprio il dr. Davide Campagna a spiegare che il quasi il 40% dei fumatori che assumo Bupropione riescono a smettere e il 55% di quelli che usano la vareniclina smette.  
  6. Motivazione: come spiega il presidente LIAF, Ezio Campagna, essere motivati è il punto indispensabile e di partenza per iniziare un qualsiasi percorso di cessazione da fumo. 
  7. Ipnosi: aiuta il paziente ad entrare nel circolo virtuoso della ricettività come dice l’esperto Pasquale Caponnetto ma la sua applicazione non è riconosciuta dalle linee guida internazionali antifumo. 
  8. Realtà Virtuale è l’innovativo progetto di ricerca al quale i ricercatori dell’Università di Catania e la società Behaviour Labs stanno ormai lavorando da qualche mese. “I primi risultati dimostrano che l’applicazione nei centri antifumo consentirà di aumentare la motivazione fino al 50%” – ha spiegato Daniele Lombardo. 
  9. Corsi aziendali all’interno dei luoghi di lavoro. E’ questa infatti la frontiera della responsabilità sociale delle aziende. I vantaggi – ha scritto Venerando Rapisarda – sono quelli di ottenere un alto livello di partecipazione, di coinvolgimento e di successo finale. 
  10. Serenità: perché star bene – dice Roberta Auditore – aiuta a lavorare direttamente su noi stessi e sulle nostre potenzialità”. 
  11. Snus che è poco conosciuto in Italia – dice Riccardo Polosa – ma il fatto che non produce combustione riduce il numero dei rischi. Viceversa contiene una maggiore quantità di nicotina e per questo gli effetti sono ancora da valutare. 
  12. Manuali. In libreria sono tantissimi, quelli con cui si smette davvero però sono pochi. L’analisi è stata curata da Lia Emma. 
  13. Social Network. Il commento è di Marilena Maglia è che questi strumenti creano reti di supporto e coinvolgimento che possono facilitare il percorso di uscita dal fumo. 
  14. Viaggi: Smettere di fumare consente di risparmiare e viaggiare. Nel 2016, Valeria Nicolosi e Naiba De Bona, rispettivamente ufficio stampa di LIAF e Skyscanner, hanno coordinato una ricerca che ha consentito di tracciare il percorso di viaggio di un fumatore che smette di fumare. 
  15. Videogiochi: vi consigliamo Super Smoky, l’app che a detta di Pasquale Caponnetto vi consente di vedervi nel futuro. Seguono ancora:
  16. Acqua perché più si beve più si riesce a smaltire la nicotina presente nel corpo. 
  17. Agopuntura 
  18. Automassaggio
  19. Cerotto
  20. E-mail
  21. Fiori di Bach 
  22. Fitoterapia 
  23. Gomma Antifumo
  24. Liquirizia 
  25. Nei
  26. Stimolazione magnetica
  27. Stop brusco
  28. Training autogeno
  29. Vaccino
  30. Terme

1 Commento

Comments are closed.

3,265FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

FDA: le IQOS (dispositivi che non bruciano) sono a rischio modificato

Secondo le nuove linee guida, l'IQOS è un “modified-risk tobacco product application” – MRTPA, ovvero un "dispositivo a rischio modificato". Ciò significa che può essere commercializzato come un prodotto che non danneggia come le sigarette convenzionali avendo, come dimostrato da diversi studi, delle caratteristiche diverse.

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi