22 C
Catania
venerdì, Ottobre 30, 2020
Home Iniziative LIAF DONA MASCHERINE E TEST SIEROLOGICI PER LA SICILIA CHE RIPARTE

LIAF DONA MASCHERINE E TEST SIEROLOGICI PER LA SICILIA CHE RIPARTE

Catania 15 Luglio 2020La società di gestione dell’Aeroporto di Catania è lieta di comunicare che LIAF, Lega Italiana Anti Fumo, ha deciso di donare 20 mila mascherine da destinare ai passeggeri in transito nello scalo etneo.

La consegna avverrà Venerdì 17 Luglio alle ore 10,30, presso la Torre uffici.

Oltre il presidente e l’amministratore delegato di SAC, Sandro Gambuzza e Nico Torrisi, saranno presenti il presidente di LIAF, Ezio Campagna; Riccardo Polosa, già responsabile scientifico di LIAF; il presidente dei commissari dell’Ordine dei Medici di Catania, Toti Amato e i commissari, Renato Mancuso e Aldo Missale.

L’iniziativa rientra infatti nella campagna di donazione di misure anti-covid messa in campo dalla LIAF che, oltre ai dispositivi di protezione individuale, donerà 500 test sierologici ai membri dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Catania.

3,278FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Medici ed ecig: in quanti consigliano i dispositivi a rischio ridotto?

Il mondo della smoking cessation comprende soluzioni diverse, nate con il comune scopo di aiutare i fumatori ad uscire per sempre dalla...

DATI INCORAGGIANTI SULLA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS A TROINA

Nell’indagine su base volontaria, sono stati coinvolti 1312 cittadini, distribuiti per sesso ed età e pari a circa il 14% del totale degli abitanti, mentre per l’Istituto Oasi 474 dipendenti pari a circa il 70% degli operatori attivi. Dai risultati è emerso che dei 1312 volontari, solo 26 (il 2%) sono venuti a contatto con il virus, mentre tra i dipendenti dell’Istituto Oasi sono state rilevate 71 positività su un totale di 474 operatori sanitari sottoposti al test (il 15%).

Australia: l’Università del Queensland presenta un piano radicale per eliminare il fumo

Gli studi condotti dall’Università del Queensland hanno affermato che la prevalenza di fumo in Australia è di poco inferiore al 15 per cento, ma è necessaria una tabella di marcia dettagliata per ridurre tale cifra a zero. Tra le proposte dello stato australiano, la più audace sembrerebbe quella proveniente dal Centre for Research Excellence on Achieving the Tobacco Endgame (CREATE) che suggerisce di ridurre il numero di rivenditori di tabacco e di limitare le vendite a particolari punti vendita come le farmacie.

University of East Anglia: ecig meglio di cerotti e gomme per smettere di fumare

Una ricerca recente aggiorna i dati della Cochrane Review del 2016, aumentando i numeri degli studi considerati che confermano l’efficacia delle ecig nei percorsi di smoking cessation