13 C
Catania
lunedì, Novembre 28, 2022
HomeComunicati stampaIl white paper del vaping sicuro

Il white paper del vaping sicuro

LINK ALLA PUBBLICAZIONE

Il fumo uccide: un assioma ormai noto da tempo, sin dagli anni ’50, quando divenne chiaro l’impatto catastrofico di questa abitudine sulla salute umana. Accendersi una sigaretta crea una dipendenza talmente forte e radicata che chi ne fa uso perde il controllo sulla propria capacità di gestire il consumo di tabacco e di conseguenza la possibilità di decidere sulla base del libero arbitrio.

Allora, qual è la strada da percorrere per aiutare chi fa uso di tabacco, in particolare i fumatori?

Secondo alcune associazioni di professionisti del settore sanitario, la soluzione potrebbe essere rappresentata dalla sostituzione del fumo tradizionale con l’utilizzo di sigarette elettroniche.

I ricercatori del CoEHAR si sono impegnati in questi mesi in un lavoro di sintesi e catalogazione delle più importanti evidenze scientifiche sul vaping. E oggi pubblicano e diffondono un documento che sarà considerato dalla comunità medico-scientifica internazionale come “il libro bianco del vaping sicuro“.

Ci sono prove sostanziali che, fatta eccezione per la nicotina, in condizioni di uso tipiche, dimostrano che l’esposizione a sostanze potenzialmente tossiche provenienti dalle sigarette elettroniche è significativamente inferiore alle sigarette convenzionali” (US National Academics of Sciences Engineering and Medicine).

Il Royal College of Physicians (RCP) incoraggia le persone a passare dalla sigarette convenzionali o altre forme di tabacco combustibile alle sigarette elettroniche, meno tossiche e potenzialmente più sicure”  (Royal College of Physicians. Nicotine without smoke: tobacco harm reduction).

Per raccogliere e valutare le prove migliori a disposizione sugli effetti sulla salute delle sigarette elettroniche, il team di ricerca del progetto del In Silico Science di CoEHAR ha condotto una serie di revisioni sistematiche esaustive per rispondere alle seguenti domande:

1) Quali sono gli effetti sulla salute respiratoria, sia acuti che a lungo termine, derivati dalla sostituzione delle sigarette di tabacco con i sistemi elettronici a rilascio di nicotina?

2) Quali sono gli effetti in termini di salute sul sistema cardiovascolare che derivano dal passaggio dalle sigarette convenzionali alle sigarette elettroniche?

3) Quali sono gli effetti della sostituzione del fumo combusto con le sigarette elettroniche in termini di variazioni di peso?

La revisione sistematica di In Silico Science include:

  • 25 studi con 26 pubblicazioni sugli effetti sul sistema cardiovascolare
  • 16 studi con 20 pubblicazioni sugli effetti sul sistema respiratorio 
  • 6 studi sulla gestione delle variazioni di peso

Cosa abbiamo imparato dalle revisioni sistematiche?

I dati ricavati dal team di ricerca hanno dimostrato che la sostituzione delle sigarette convenzionali con le sigarette elettroniche rappresenta una chance di migliorare la salute, poiché a differenza del fumo combusto, non comportano un peggioramento Dello stato di salute nel lungo periodo.

I risultati principali ottenuti dall’analisi di 52 articoli sulla sostituzione delle sigarette convenzionali con quelle elettroniche rilevano: 

  • arresto del decorso patologico della BPCO e miglioramento della funzionalità polmonare nei pazienti con asma
  • abbassamento dei valori dell’ipertensione preesistenti
  • mantenimento del peso

La revisione condotta sugli effetti respiratori ricopre sessanta test. Risultati degni di nota sono stati osservati in uno studio che ha coinvolto 16 asmatici con un livello compreso tra lievi e moderato della patologia osservati dopo 24 mesi. 

I consumatori di sigarette elettroniche hanno riscontrato un miglioramento della funzionalità polmonare (test FEV1, FVC e FEF 25-75).  Risultati migliori sono stati raggiunti con l’utilizzo esclusivo di sigarette elettroniche rispetto ai partecipanti che hanno utilizzato sia le sigarette tradizionali che quelle elettroniche.

In uno studio della durata di cinque anni sulla broncopneumopatia cronico ostruttiva (BPCO), i pazienti hanno ottenuto miglioramenti significativi come mostrato dai test FEV1. I partecipanti avevano un’età compresa tra 61 e 72 anni: la sostituzione esclusiva delle sigarette elettroniche anche in età avanzata può portare a miglioramenti trasformativi della funzione polmonare su un periodo di tempo più lungo. 

Al contrario, uno studio in cui gli utilizzatori di sigarette elettroniche dovevano utilizzare di sigarette convenzionali ha rilevato un peggioramento dei parametri respiratori (decremento nei test FVC e FEV1).

Ventidue studi hanno invece valutato l’effetto delle sigarette elettroniche sulla frequenza cardiaca. Dodici studi relativi a test acuti hanno prodotto risultati contrastanti. In alcuni casi, la frequenza cardiaca è aumentata in modo significativo con l’uso delle sigarette elettroniche, ma in diversi studi l’aumento è stato inferiore rispetto alle sigarette convenzionali. 

Uno studio ha mostrato effetti diversi in base alla storia pregressa di tabagismo del partecipante. Otto studi di maggiore durata non hanno dimostrato alcun effetto significativo sulla frequenza cardiaca. Diciannove studi hanno valutato l’effetto dell’uso della sigaretta elettronica sulla pressione sanguigna: quindici studi non hanno prodotto risultati significativi. Più promettenti, due studi hanno riscontrato una significativa diminuzione della pressione sanguigna con l’uso di sigarette elettroniche.

Infine, per quanto riguarda il discorso sulle variazioni di peso, un aumento di peso di almeno il 7% del peso di partenza dopo 12 mesi è definito come un cambiamento di peso clinicamente rilevante. La revisione sugli studi relativi ai cambiamenti di peso contiene un solo studio che attesta un aumento di peso statisticamente significativo, ma non clinicamente rilevante a segutio dell’uso della sigaretta elettronica (uso esclusivo e uso duale) con una media di solo 1.2 kg dopo 12 mesi.

Incomprensioni sugli effetti della nicotina

Si fuma per la nicotina ma si muore per il catrame!  

Le questioni sulla nicotina sono ancora controverse e piene di fraintendimenti. Le evidenze scientifiche mostrano che sebbene la nicotina crei dipendenza, essa non è cancerogena. 

 L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha approvato la terapia sostitutiva della nicotina (NRT) come medicina essenziale definendola un trattamento sicuro ed efficace per smettere di fumare. 

Il dottor Neil Benowitz, esperto di farmacologia della nicotina, afferma inequivocabilmente “la nicotina svolge un ruolo minore, se del caso, nel causare malattie indotte dal fumo”

“La sigaretta elettronica è quasi due volte più efficace nell’aiutare i fumatori a smettere rispetto ad altri trattamenti sostitutivi della nicotina come cerotti e gomme. Dopo un anno, il 18% dei consumatori di sigarette elettroniche non fumava, rispetto al 9,9% delle persone che usavano altre terapie sostitutive della nicotina”

Le sigarette elettroniche sono state descritte come il 95% più sicure delle sigarette convenzionali dal Royal College of Physicians (Regno Unito). È fondamentale capire che non è la nicotina nelle sigarette a causare il cancro ma le migliaia di sostanze tossiche sprigionate dal processo di combustione. 

Se si parla di effetti cardiovascolari della nicotina, ci si riferisce ad effetti emodinamici che hanno comunque un ruolo limitato nelle malattie cardiovascolari. La nicotina, essendo uno stimolante, può portare a variazioni della frequenza cardiaca, della contrattilità miocardica e della pressione sanguigna. D’altra parte, essa non sembra avere effetti clinicamente rilevanti sull’apparato respiratorio.

Allora, qual è l’effetto della nicotina sul peso?

La nicotina sopprime l’appetito, provocando un effetto anoressico. Allo stesso tempo, essa aumenta il metabolismo attraverso una maggiore disgregazione del tessuto adiposo (lipolisi) e una diminuzione della produzione di grasso (lipogenesi). Sfortunatamente, quando i pazienti smettono di fumare, possono sostituire il bisogno di nicotina con abbuffate di cibo, utilizzandole come strategia di coping che possono portare ad un aumento di peso. 

Mentre l’uso di gomme alla nicotina per la cessazione ha dimostrato di aiutare a mantenere lo stato di peso, altre terapie farmacologiche di cessazione, vareniclina e bupropione, non hanno mostrato efficacia nel controllo del peso corporeo. 

I medici devono correggere le loro percezioni errate sulla nicotina, in particolare se vogliono accettare l’uso di questa sostanza come strategia di riduzione del danno causato dal fumo di sigaretta convenzionale.   

Le nostre revisioni sistematiche hanno identificato distorsioni in troppi studi. 

Come si identificano gli studi distorti?

Revisione respiratoria:

  • 10 studi sono stati classificati ad alto rischio di risultati fuorvianti,
  • 6 sono stati classificati come alcune preoccupazioni
  • NESSUNO studio è stato classificato come a basso rischio di distorsione

Revisione cardiovascolare:

  • 20 studi sono stati classificati ad alto rischio di risultati fuorvianti,
  • 5 sono stati classificati come alcune preoccupazioni
  • NESSUNO studio è stato classificato come a basso rischio di distorsione

Revisione dello stato del peso:

  • 2 studi sono stati classificati per avere alcuni problemi di distorsione, 
  • 4 studi sono stati classificati come ad alto rischio di distorsione 
  • NESSUNO studio è stato classificato come a basso rischio di distorsione

Lo spin bias è la possibilità che una review presenti distorsioni o risultati fuorvianti dovuti anche alle posizioni degli autori. Nella review analizzata sono state trovate incongruenze su 12 studi sulla respirazione, 9 studi cardiovascolari e 3 studi sul peso: praticamente quasi la metà di tutti gli studi. 

La segnalazione selettiva, omettendo i dati dalla conclusione, è stata annotata in 7 studi cardiovascolari e 13 studi respiratori, quasi il 40% degli studi.

Altre fonti di distorsioni che abbiamo identificato sono state: 

  • l’assenza di un protocollo pubblicato, 
  • deviazioni inspiegabili dal protocollo, 
  • piccole dimensioni del campione, 
  • partecipanti non rappresentativi dei fumatori effettivi, 
  • esposizioni al vaping di gran lunga superiori all’uso reale

Alcuni studi hanno utilizzato diversi modelli di sigaretta elettronica, il che complica ancora di più l’interpretazione dei risultati. 

Limiti acuti degli studi

1. Gli studi che misurano gli effetti acuti delle sigarette elettroniche contribuiscono a una scarsa comprensione dei risultati sulla salute.

2. Gli studi acuti non hanno mostrato un peggioramento clinicamente significativo della funzione polmonare in partecipanti sani dopo l’uso di sigarette elettroniche. 

3. I cambiamenti nei risultati non tengono conto del danno già subito da anni di fumo.

4. Le misurazioni dei test cardiovascolari possono essere transitorie e collegate all’attivazione del sistema nervoso simpatico dalla nicotina, producendo un aumento della FC, della PA e della contrattilità miocardica.

Sigarette elettroniche e cessazione da fumo di sigaretta convenzionale 

I risultati delle nostre revisioni sistematiche, che dimostrano una migliore possibilità di salute con il passaggio all’uso di sigaretta elettronica sono ulteriormente convalidati dall’ultimo rapporto di Public Health England nel quale si afferma che ci sono “sostanziali benefici per la salute” nel passaggio dal fumo al vaping. 

Le prove di una revisione Cochrane di 61 studi completati con 16.759 partecipanti hanno mostrato vari aspetti della cessazione. I tassi di abbandono nelle persone randomizzate a sigarette elettroniche erano superiori a quelli randomizzati a NRT, rapporto di rischio (RR) 1,53. Ciò si traduce in altri tre smetteri ogni 100 (IC 95% da 1 a 6). Questa non è una prova debole: è stata valutata come una certezza moderata.

Alla luce di tutte le prove disponibili, gli operatori sanitari dovrebbero indirizzare i fumatori attuali alle sigarette elettroniche come alternativa al fumo di sigarette convenzionali se sono altrimenti improbabili o incapaci di smettere. 

Molti professionisti della salute chiamano le sigarette elettroniche lo “standard d’argento” per smettere di fumare, il gold standard è il programma di cessazione di 12 settimane.

La National Pharmacy Association (NPA) UK afferma che “ora è chiaro che le sigarette elettroniche hanno un posto legittimo nella cessazione da fumo, supportato da una consulenza professionale“. Il rapporto del Public Health England aiuterebbe i farmacisti a fornire consigli utili ai fumatori desiderose di smettere, ma aiuterebbe anche le farmacie a decidere se mettere in vendita sigarette elettroniche.

Quindi, per smettere di fumare e per gli altri potenziali benefici per la salute che abbiamo riscontrato nelle nostre revisioni sistematiche, possiamo affermare con certezza che la il passaggio alla sigaretta elettronica offre una migliore possibilità di salute rispetto a continuare a fumare.

Ultimi articoli

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi comodamente sulla tua casella di posta una selezione settimanale delle migliori notizie

Adesso sei iscritto alla nostra newsletter!