28.2 C
Catania
martedì, Agosto 11, 2020
Home Iniziative Il progetto EQUIPP fotografa la rete antismoking in Europa

Il progetto EQUIPP fotografa la rete antismoking in Europa

Oltre 78 milioni di fumatori in Europa vogliono smettere, ma il 50% di loro trova i servizi per la cessazione del fumo inadeguati e carenti. L’87% degli operatori sanitari ritiene necessario avere maggiore formazione sulle cure antitabagiche.
Farmaci antifumo rimborsabili, aumento del costo delle sigarette, consulenza medica per i fumatori, formazione mirata in cure antitabagiche per i medici, campagne sociali e mediatiche per la popolazione, sono le priorità che emergono dal report EQUIPP.
COS’E’ EQUIPP, (Europe Quitting: Progress and Pathways)
La guida EQUIPP, che ha fotografato la situazione legislativa e delle infrastrutture antismoking in 20 paesi europei, vuole essere un punto di partenza per attuare strategie volte alla riduzione della dipendenza tabagica secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità e l’articolo 14 dell’FCTC, (Convenzione Quadro sul Controllo del Tabacco). Il Progetto EQUIPP è stato avviato e finanziato dalla Pfizer.
Più di 60 esperti hanno contribuito a illustrare come i rispettivi paesi affrontano il problema del fumo di sigarette, valutando aspetti organizzativi, medici, legislativi e sociologici.
Sono stati intervistati circa 2.500 operatori sanitari, e circa 40 mila persone fumatori e non, appartenenti a Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera e Regno Unito.
RISULTATI PER L’ITALIA
L’Italia dovrebbe migliorare il network di centri antifumo presenti sul territorio nazionale e la qualità dei servizi erogati. La popolazione dovrebbe essere maggiormente informata sulle procedure mediche per la cessazione da fumo e indirizzata nei centri specialistici, chi vuole smettere di fumare afferma infatti che non riceve sostegno adeguato. I medici si dichiarano poco informati sulle procedure per la cessazione da fumo e richiedono una formazione mirata. Il sistema sanitario dovrebbe garantire il couseling e la rimborsabilità dei farmaci antifumo.
CHI HA PARTECIPATO PER L’ITALIA
La Dott.ssa Antonella Cardone Ingegnere dell’Università del Terzo Settore di Roma, editor del report EQUIPP; la Dott.ssa Daniela Galeone del Dipartimento di Prevenzione del Ministero della Salute; il Prof. Stefano Nardini dell’Ospedale Vittorio Veneto e il Prof. Riccardo Polosa
3,264FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

L’acqua di mare per un vero e proprio bagno di salute

Il fumatore in modo particolare trae maggior beneficio da questo aereosol marino, le onde dell’acqua salata, infatti, sprigionano nell’aria preziosi minerali che vengono assorbiti dai polmoni e che depurano le vie respiratorie.

Sei uno svapatore che non ha mai fumato molto? Partecipa alla ricerca Veritas Cohort

Sei uno svapatore che non ha mai fumato molto? Ti chiediamo di prendere in considerazione l'idea di partecipare a...

Il fumo e i cinque sensi: l’udito

L’udito, come tutti gli altri sensi, riveste nella vita di ognuno di noi molta importanza: se interroghiamo un qualsiasi fumatore, saprà descriverci ad occhi chiusi il suono di un pacchetto di sigarette che viene aperto o quello di un accendino. Ma che conseguenze ha il fumo sull'udito?

Consigli per l’estate: la frutta che ti aiuta a smettere di fumare

Tra gli accorgimenti dietetici per evitare di prendere peso, nella dieta di un ex fumatore non devono mancare alimenti antiossidanti. La frutta in generale aiuta in questo processo, soprattutto in estate.