31.6 C
Catania
domenica, Luglio 12, 2020
Home Iniziative Help Card, con LIAF arrivano gli sconti in Sanità

Help Card, con LIAF arrivano gli sconti in Sanità

Grazie ad una convenzione stipulata con la Società di Studi e Servizi in Sanità PROGESA, da oggi la Lega Italiana Anti Fumo è in grado di offrire ai suoi utenti un ulteriore servizio.

logo_hcCon l’acquisto della nuova tessera HELP CARD, infatti, vi permettiamo di avere sconti incredibili in quasi 3.000 Strutture Sanitarie e Centri per la Cura della Persona in tutta Italia.

Si tratta di un importante opportunità che migliaia di italiana stanno già utilizzando con grande successo. La tessera è valida per 12 mesi per tutto il nucleo familiare, intendendo per esso titolare, coniuge/convivente, figli di qualsiasi età e genitori del titolare. Ricopre 3 generazioni: dal nonno al nipote!

Help Card – Sconti in Sanità offre sconti dal 10% al 40% su prestazioni medico-chirurgico-odontoiatriche, quali VISITE SPECIALISTICHE, ACCERTAMENTI DIAGNOSTICI, RICOVERI MEDICI, INTERVENTI CHIRURGICI, ODONTOIATRIA, FISIOKINESITERAPIA E RIABILITAZIONE, ALLOGGI PER ANZIANI, ASSISTENZA DOMICILIARE, MEDICINA E CHIRURGIA ESTETICA, CENTRI BENESSERE, TERME E SPA, PALESTRE, OTTICI E MOLTO ALTRO …

testata

HELP CARD ha un costo di 24,00 euro l’anno e vi consente, dunque, con soli 2 euro al mese di difendere meglio la vostra salute e quella della vostra famiglia

Per aderire al progetto, basta andare sul sito HELP CARD cliccare a questo link  e compilare tutti i campi del modulo di adesione, alla fine del quale, potrete scegliere se pagare i 24,00 euro con Bollettino Postale, Bonifico Bancario o PayPal. In seguito, potrete accedere all’area riservata e registrare i vostri familiari, nonché gestire e modificare le proprie informazioni.

Pro.Ge.Sa. srl in 30 anni è divenuta la società di riferimento per Fondi Sanitari Integrativi e Compagnie di Assicurazione nel settore sanitario. Gestisce una rete di oltre 5000 strutture sanitarie e sociosanitarie convenzionate in tutto il territorio nazionale e offre servizi in sanità ad una platea di circa 400.000 assistiti da Fondi Sanitari Integrativi e di circa 10 milioni di possessori di carte BancoPosta.

Se anche tu vuoi CONVENZIONARE la tua struttura sanitaria con HELP CARD, grazie a LIAF oggi è più semplice. Convenzionarsi è GRATUITO!

BASTA CLICCARE su questo link e grazie a LIAF anche la tua struttura potrà partecipare al nuovo progetto per offrire prestazioni con uno sconto promozionale dedicato ai possessori della tessera HELP CARD

Qui trovi l’elenco delle strutture già convenzionate in Italia 

1 Commento

Comments are closed.

3,265FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

FDA: le IQOS (dispositivi che non bruciano) sono a rischio modificato

Secondo le nuove linee guida, l'IQOS è un “modified-risk tobacco product application” – MRTPA, ovvero un "dispositivo a rischio modificato". Ciò significa che può essere commercializzato come un prodotto che non danneggia come le sigarette convenzionali avendo, come dimostrato da diversi studi, delle caratteristiche diverse.

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi