22.2 C
Catania
martedì, Luglio 14, 2020
Home Iniziative CoEHAR: al via una selezione pubblica per 4 nuovi ricercatori

CoEHAR: al via una selezione pubblica per 4 nuovi ricercatori

Catania, 8 Giugno 2020Al via un bando pubblico per l’affidamento di quattro borse di ricerca a giovani laureati in varie discipline, con scadenza fissata per il 26 Giugno 2020. La selezione rientra nell’ambito delle attività e dei progetti di ricerca avviati dal CoEHAR (Centro per la Riduzione del Danno da Fumo) dell’Università degli Studi di Catania, fondato dal prof. Riccardo Polosa.

Il nuovo progetto di ricerca del CoEHAR, è diretto dalla dr.ssa Renée O’Leary, è altamente innovativo. Il team selezionato lavorerà sulle revisioni degli studi pubblicati, valutandone criticamente la loro qualità e producendo relazioni di elevato spessore scientifico aggiornate in tempo reale e con un linguaggio semplice. Le revisioni sistematiche di questo tipo forniranno ai responsabili politici, agli operatori sanitari e ai consumatori, dati affidabili e aggiornati provenienti da studi di qualità per informare le loro decisioni su politiche e pratiche per ridurre i danni causati dal fumo.

L’obiettivo della ricerca è quello di fornire informazioni sugli effetti sulla salute derivanti dalla sostituzione delle sigarette convenzionali con prodotti alternativi a basso rischio, con particolare riferimento agli effetti nei sistemi cardiovascolare e respiratorio e sulla gestione del peso.

Il progetto di ricerca  che è denominato “Living Systematic Reviews: an innovative method for systematic reviews applied to the research on tobacco harm reduction, with particular reference to cardiovascular effects, respiratory effects and weight management” inizierà a Settembre 2020 e il compenso previsto per il ricercatore è di 26.000 euro/anno. Due di queste borse di studio sono riservate a laureati provenienti da paesi a basso e medio reddito.

La ricerca sulla riduzione del danno da fumo, a differenza di molti altri ambiti di ricerca, coinvolge molteplici professionalità afferenti a settori scientifici diversi. Tra le sfide della ricerca in questo campo vi è infatti quella di trovare, verificare e valutare gli studi che risultano essere imperfetti o addirittura già obsoleti vista l’incredibile quantità di pubblicazioni in atto.

La selezione è aperta sino al 26 Giugno, per maggiori informazioni sul bando: https://www.unict.it/it/bandi/ricerca-e-trasferimento-tecnologico/medclin-conferimento-4-borse-di-ricerca-su-%E2%80%9Cliving

3,265FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

FDA: le IQOS (dispositivi che non bruciano) sono a rischio modificato

Secondo le nuove linee guida, l'IQOS è un “modified-risk tobacco product application” – MRTPA, ovvero un "dispositivo a rischio modificato". Ciò significa che può essere commercializzato come un prodotto che non danneggia come le sigarette convenzionali avendo, come dimostrato da diversi studi, delle caratteristiche diverse.

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi