12.8 C
Catania
martedì, Novembre 29, 2022
HomeComunicati stampaCochrane: ecig più efficaci delle terapie sostituire della nicotina

Cochrane: ecig più efficaci delle terapie sostituire della nicotina

Una revisione Cochrane ha trovato le prove fino ad ora più certe che le sigarette elettroniche, note anche come “svapo”, aiutino le persone a smettere di fumare meglio delle tradizionali terapie sostitutive della nicotina, come cerotti e gomme da masticare.

Oggi, una nuova pubblicazione nella Cochrane Library, sottolinea che esistono prove ad elevato grado di certezza che è più probabile che le persone smettano di fumare per almeno sei mesi usando sigarette elettroniche alla nicotina, o “vaping”, piuttosto che usando terapie sostitutive della nicotina, come cerotti e gomme alla nicotina.

Le prove hanno anche suggerito che le sigarette elettroniche alla nicotina hanno portato a tassi di abbandono più elevati rispetto alle sigarette elettroniche senza nicotina, ma sono meno i dati disposizione per quest’ultima analisi.

La revisione Cochrane aggiornata include 78 studi su oltre 22.000 partecipanti, un’aggiunta di 22 studi dall’ultimo aggiornamento nel 2021.

Il fumo è un problema di salute mondiale significativo. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), nel 2020, il 22,3% della popolazione mondiale ha consumato tabacco, nonostante lo stesso uso abbia ucciso fino alla metà dei suoi consumatori. Smettere di fumare riduce il rischio di cancro ai polmoni, attacchi di cuore e molte altre malattie. Sebbene la maggior parte delle persone che fumano voglia smettere, molti trovano difficile farlo in modo permanente. I cerotti e le gomme alla nicotina sono metodi sicuri, efficaci e ampiamente utilizzati per aiutare le persone a smettere.

I dati della revisione hanno mostrato che se sei persone su 100 smettessero usando la terapia sostitutiva della nicotina, da otto a dodici smetterebbero invece usando sigarette elettroniche contenenti nicotina. Ciò significa che da due a sei persone in più su un campione di 100 potrebbero potenzialmente smettere di fumare con sigarette elettroniche contenenti nicotina.

Il prof. Riccardo Polosa, fondatore del CoEHAR ha cosi commentato: “Come abbiamo affermato molti anni fa, si prevede che la rapida innovazione nelle tecnologie dell’ecig migliorerà progressivamente il tasso di sostituzione delle sigarette. Il miglioramento delle prestazioni/qualità dei prodotti di svapo è stato la causa del progressivo aumento dei tassi di cessazione. La revisione Cochrane del 2022 sta solo catturando questa tendenza positiva e la mia previsione è che i futuri Cochranes mostreranno tassi di cessazione sempre più grandi“.

Il dottor Jamie Hartmann-Boyce, professore associato presso l’Università di Oxford, editore del Cochrane Tobacco Addiction Group e autore della nuova pubblicazione, ha dichiarato:“Le sigarette elettroniche hanno generato molti malintesi sia nel mondo della salute pubblica che nella stampa popolare sin dalla loro introduzione oltre un decennio fa.

Questi malintesi scoraggiano alcune persone dall’usare le sigarette elettroniche come strumento per smettere di fumare. Fortunatamente, sempre più prove stanno emergendo e forniscono ulteriore chiarezza. Con il supporto di Cancer Research UK, cerchiamo ogni mese nuove prove come parte di una revisione sistematica vivente. Identifichiamo e combiniamo le prove più forti dagli studi scientifici più affidabili attualmente disponibili”.

Negli studi che confrontavano le sigarette elettroniche alla nicotina con il trattamento sostitutivo della nicotina, gli effetti collaterali significativi erano rari. Nel breve-medio termine (fino a due anni), le sigarette elettroniche alla nicotina causavano in genere irritazione alla gola o alla bocca, mal di testa, tosse e nausea.

Tuttavia, questi effetti sembravano diminuire nel tempo.

La dott.ssa Nicola Lindson, docente di ricerca universitaria presso l’Università di Oxford, caporedattore del Cochrane Tobacco Addiction Group e autrice della pubblicazione, ha dichiarato:

Le sigarette elettroniche non bruciano il tabacco; e come tali non espongono gli utenti allo stesso complesso mix di sostanze chimiche che causano malattie nelle persone che fumano sigarette convenzionali. Le sigarette elettroniche non sono esenti da rischi e non dovrebbero essere utilizzate da persone che non fumano o non sono a rischio di fumo. Tuttavia, le prove dimostrano che le sigarette elettroniche alla nicotina comportano solo una piccola frazione del rischio del fumo. Nella nostra recensione, non abbiamo trovato prove di danni sostanziali causati dalle sigarette elettroniche contenenti nicotina quando utilizzate per smettere di fumare. Tuttavia, a causa dell’esiguo numero di studi e della mancanza di dati sull’uso a lungo termine di sigarette elettroniche contenenti nicotina – utilizzo per più di due anni – rimangono interrogativi sugli effetti a lungo termine”.

I ricercatori concludono che sono necessarie ulteriori prove, in particolare sugli effetti delle nuove sigarette elettroniche con una migliore erogazione di nicotina rispetto a quelle precedenti, per aiutare più persone a smettere di fumare. Sono necessari anche dati a più lungo termine.

Michelle Mitchell, amministratore delegato di Cancer Research UK, ha dichiarato:pastedGraphic.png

Accogliamo con favore questo rapporto che si aggiunge a un numero crescente di prove che dimostrano che le sigarette elettroniche sono uno strumento efficace per smettere di fumare. Sconsigliamo vivamente a chi non ha mai fumato di utilizzare le sigarette elettroniche, in particolare i giovani. Questo perché sono un prodotto relativamente nuovo e non conosciamo ancora gli effetti sulla salute a lungo termine. Mentre gli effetti a lungo termine dello svapo sono ancora sconosciuti, gli effetti dannosi del fumo sono indiscutibili: il fumo provoca circa 55.000 decessi per cancro nel Regno Unito ogni anno. Cancer Research UK sostiene una regolamentazione equilibrata basata sull’evidenza sulle sigarette elettroniche da parte dei governi del Regno Unito che massimizza il loro potenziale per aiutare le persone a smettere di fumare, riducendo al minimo il rischio di assorbimento tra gli altri”.

Dal comunicato stampa di Cochrane

Qui il report completo

Giornalista praticante, collabora con LIAF, dove scrive di salute e attualità. Appassionata di sport, con un passato da atleta agonista di sci alpino, si diletta nell'indagare le nuove frontiere della comunicazione e della tecnologia, attenta alla contaminazione con generi e linguaggi diversi.

Ultimi articoli

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi comodamente sulla tua casella di posta una selezione settimanale delle migliori notizie

Adesso sei iscritto alla nostra newsletter!