13.7 C
Catania
domenica, Aprile 5, 2020
Home Scienza Aspetti Psico-Comportamentali del Tabagismo

Aspetti Psico-Comportamentali del Tabagismo

Fumare una sigaretta…quanto è semplice trovarsela tra le dita, portarla alle labbra e dopo averla accesa, sentire quel senso di benessere e quel sollievo tanto desiderato dal fumatore che così tenta di fuggire il malessere della vita. Ma cosa fa una sigaretta? Aggrega, serve da messaggio,rimarca l’identità di appartenere ad un gruppo. Il fumo non è altro che un comportamento rituale: la richiesta, l’offerta, l’accendere una sigaretta e  aspirarla. Il soggetto pensa così di poter trovare il coraggio di far fronte ai momenti critici, se si trova da solo o superare l’imbarazzo di incontrare per la prima volta qualcuno. Nell’adolescente il fumo è un atteggiamento di sfida, un modo per sottolineare di essere coraggiosi, di aver raggiunto la maturità sessuale. Fumare diventa un abito da ostentare in pubblico.

Una sigaretta può anche rappresentare la ricerca di un contatto con la madre, un rifugio nei momenti difficili; come una madre la si può toccare, come lei emana odore e calore dando benessere e sollievo.

Naturalmente tutti gli effetti piacevoli legati alla sigaretta non fanno altro che rinsaldare il legame del fumatore con il suo bellissimo vaso di Pandora. Proprio così, un vaso al cui interno il fumatore troverà problemi e sintomi da astinenza che lo renderanno succube del suo rituale, incapace di controllare la sua voglia di fumare. Sono proprio le modifiche dell’umore, il calo di attenzione, la labilità emotiva che rinforzano un comportamento compulsivo che perdura nel tempo.

Ma quali sono le caratteristiche di un fumatore? Tutto dipende dal suo codice genetico. Nonostante non si possa individuare un prototipo, possiamo riconoscere tratti comportamentali, psicologici e biologici comuni.

Proprio dalla mancanza di un modello unico deriva la complessità dell’inquadrare il fenomeno “tabagismo”, la necessità di personalizzare l’intervento perché non c’è una terapia comune.

Non dobbiamo dimenticare che  talora il fumo cela problematiche inconsce del soggetto non del tutto risolte, irritabilità, ansia, peculiari paure, irrequietezza motoria; in tal caso non basta solo la disassuefazione da fumo ma serve anche affrontare queste immaturità emozionali tramite psico-terapia o con l’ausilio di tecniche ipnotiche per risolvere il problema.

Autori: Dott. Pasquale Caponnetto, Dott. Riccardo Polosa

3,229FansLike
172FollowersFollow
541FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Ultimi articoli

Il Prof. Polosa fa chiarezza sul tempo di sopravvivenza del Coronavirus su pareti e superfici

Gli autori dell’articolo riportano che il virus possa rimanere vitale sulle superfici sino a un massimo di 3 giorni. Secondo Polosa, sono davvero troppi.

Smartphone e COVID-19: il limite tra privacy e necessità

Dalla Cina all'Europa, numerose sono le soluzioni proposte per monitorare e contrastare l'emergenza da COVID-19, utilizzando gli smartphone o i dispositivi indossabili. Ma esiste un limite?

Questionario COVID per fumatori e non, svapatori e non

Pochi minuti del vostro tempo saranno necessari per aiutare i ricercatori della Lega Italiana Anti Fumo e del CoEHAR a trovare le...

Teenager e vaping: la moda e i social media

Essere teenager significa doversi rapportare con il gruppo, con la moda, con la necessità di sentirsi accettati. E che le relazione intercorre tra il vaping e i soggetti più giovani?