31.6 C
Catania
domenica, Luglio 12, 2020
Home News Ansia e Fumo, due patologie per le quali esiste rimedio

Ansia e Fumo, due patologie per le quali esiste rimedio

“Quando ho cominciato a pensare di voler smettere di fumare, ho sentito scoppiare dentro di me una specie di terremoto”. Era l’ansia che si faceva strada e: “Improvvisamente ho cambiato subito idea”. E’ la frase tipica di un fumatore che vuole intraprendere un percorso per smettere di fumare ed improvvisamente viene assalito da fastidiosi stati di ansia. Secondo gli studi condotti dal Centro per la Prevenzione e Cura del Tabagismo dell’Università di Catania, la decisione di voler smettere di fumare è spesso seguita da un incremento dei livelli di ansia. Ma questo stato può risultare positivo solo se moderato. Secondo la dott.ssa Marilena Maglia, infatti: “Livelli d’ansia moderati sono facilitanti perché aumentano l’attenzione e la costanza, ed inevitabilmente i risultati finali sono raggiungibili più facilmente. Al contrario, stati di ansia più gravi possono avere come conseguenze improvvise effetti fisiologici debilitanti e ricadute”. Ma perché si soffre di ansia di astinenza da Fumo? Secondo il dott. Pasquale Caponnetto, i fattori che influenzano maggiormente la presenza di uno stato ansioso riguardano la difficoltà e l’importanza attribuita alla sigaretta e lo stato di equilibrio interiore, tra cui soprattutto i livelli di autostima ed autoefficacia. Smettere di fumare, dunque, sarebbe direttamente proporzionale alla nostra “sicurezza personale”. Più ci crediamo imbattibili, più saremo in grado di farcela. La presenza di stati di ansia elevati ostacola il raggiungimento dei nostri obiettivi. Cosa fare allora per combattere l’ansia? Talvolta può bastare un corso di yoga. In alcuni casi, invece, è necessario l’aiuto di un esperto per imparare tecniche specifiche di respirazione, rilassamento mentale e muscolare. Ma ricordate, l’ansia è una patologia che può essere diagnosticata solo da clinici tramite colloqui, osservazione e la somministrazione di test validi ed attendibili. Se leggera, l’ansia può essere produttiva e stimolante, può aiutarci a raggiungere con successo i nostri traguardi, e può anche agevolare il nostro percorso di liberazione dal fumo di sigaretta. Solo se in aumento ed ingestibile, allora si consiglia di consultare uno specialista.

3,265FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

FDA: le IQOS (dispositivi che non bruciano) sono a rischio modificato

Secondo le nuove linee guida, l'IQOS è un “modified-risk tobacco product application” – MRTPA, ovvero un "dispositivo a rischio modificato". Ciò significa che può essere commercializzato come un prodotto che non danneggia come le sigarette convenzionali avendo, come dimostrato da diversi studi, delle caratteristiche diverse.

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi