26.2 C
Catania
sabato, Settembre 26, 2020
Home Iniziative AL VAPITALY LA SECONDA TAPPA DEL VAPE SHOP STUDY

AL VAPITALY LA SECONDA TAPPA DEL VAPE SHOP STUDY

LIAF partecipa al Vapitaly, la prima fiera italiana dedicata al mondo del vaping che si terrà a Verona, sabato e domenica 21 e 22 Novembre 2015. Un appuntamento importante che riunisce per la prima volta tutti i rappresentanti del settore in una kermesse fieristica per chi desidera conoscere usi, pratiche, esperienze e contesti di consumo legati alle sigarette elettroniche.

locandina NEGOZI 1 (2)Occasione speciale alla quale la Lega Italiana Antifumo è lieta di aderire con due importanti iniziative: lo stand informativo con tutte le novità del momento nella lotta al fumo e la seconda tappa del progetto VAPE SHOP STUDY che consente ai negozianti di ricevere una formazione adeguata e professionale partecipando attivamente alla Ricerca.

Sono molteplici le questioni che animano il settore, a partire da quella legata alla salute. Parte della comunità scientifica internazionale – 50 noti scienziati, tra cui, per l’Italia, l’oncologo Umberto Veronesi e il direttore scientifico della Lega Italiana Anti Fumo Riccardo Polosa – ha firmato una lettera aperta indirizzata all’Organizzazione Mondiale della Sanità, in cui si sottolinea la scarsa tossicità delle sigarette elettroniche e la loro efficacia nel favorire la disassuefazione dal tabagismo, aiutando così la prevenzione di malattie ad esso legate.

Lo stesso prof. Polosa parteciperà al convegno dal taglio lifestyle previsto per la tarda mattinata del 21 novembre e moderato da Nicola Porro, per approfondire argomenti e interrogativi, insieme ad altri esperti che204 declineranno a 360° il tema del vaping.

“Lieto di partecipare a questa importante fiera del vaping – ha detto il prof. Riccardo Polosa – voglio augurarmi ed augurare a tutti che lo svapo possa presto cambiare definitivamente in meglio lo stile di vita dei fumatori”.

 

 

Comunicato Giovedì 12 novembre: ospiti, convegni e statistiche

Si è tenuta in mattinata la conferenza stampa di presentazione del Vapitaly, la fiera internazionale del settore fumo elettronico. Sono intervenuti Mosè Giacomello (presidente Vapitaly), Umberto Roccatti (vicepresidente Anafe) e Stefano Caliciuri (giornalista Sigmagazine).

Mosè Giacomello, presidente Vapitaly: <<Le fiere dedicate al mondo del Vaping sono nate in America e sono cresciute in Europa. L’unico Paese in cui mancavano era l’Italia e abbiamo pensato di realizzare una fiera che riunisca produttori di aromi e sapori, catene di franchising, appassionati, artigiani, vapers da tutta Italia. La fiera, però, ha un taglio internazionale: il 30% degli espositori viene dall’America e dall’Europa>>.

Umberto Roccatti, vicepresidente Anafe/Confindustria: <<Sarà l’occasione per fare il punto sulla normativa anche fiscale del settore. La nostra è l’unica nazione che ha introdotto una tassazione spropositata e penalizzante per le nostre aziende. Il Triveneto è l’area del Paese in cui si registra la più alta penetrazione dei prodotti di e-cig in Italia e il consumatore veneto si dimostra quello più innovativo e attento a questo nuovo mercato>>.

Stefano Caliciuri, giornalista ed esperto settore vaping: <<Le proiezioni vedono il settore in crescita mondiale: si stima una cifra di mercato pari a 25 miliardi di dollari per il 2025; prospettando al primo posto per giro d’affari gli Stati Uniti, seguiti dalla Cina e, al terzo posto, la nostra Italia>>.

VAPITALY 2015: il messaggio più forte – riguardando la salute – è la presenza della LIAF, a sottolineare quanto la e-cig sia da considerarsi efficace nella dissuasione dal tabagismo. Oltre che alla rappresentanza del direttore scientifico Riccardo Polosa, LIAF porterà uno stand informativo e la seconda tappa del progetto di ricerca e formazione dedicato al “Vape Shop Study”, studio promosso da esperti e ricercatori, rivolto agli operatori del settore, per formarli con nuove competenze professionali, utili ad accompagnare i fumatori di sigarette convenzionali in un percorso di assistenza e consulenza efficace per abbandonare definitivamente il fumo. www.liafmagazine.it

VAPITALY 2015: il numero degli espositori – che sfiora il centinaio, con circa un terzo proveniente dall’estero – lancia già l’edizione 2016, ancora a Verona, secondo polo fieristico italiano e collocato proprio in una delle regioni-traino del vaping, il Veneto. L’appuntamento è per il 14, 15 e 16 maggio dell’anno prossimo, ma vediamo da vicino quali saranno i momenti salienti della fiera imminente:

sabato 21 alle 11 si terrà il convegno “E-cig, le verità nascoste”, a svelare e spiegare tutte le declinazioni del mondo vap; seguiranno, tra lo stesso sabato e domenica 22, altri incontri d’attualità, per approfondire sicurezza, certificazioni, numeri del mercato e modi di comunicare.

Tra gli ospiti della manifestazione, l’attore Luca Argentero, che presenterà il libro “La compagnia del vapore”, di cui ha curato la prefazione; con lui, anche l’autore, il torinese Alessandro Sponzilli: appuntamento alle 15 allo stand Puff (B06-C05), che per i due giorni sarà animato dal dj Paolo Noise.

 

 

3,279FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

Le 15 più grandi aziende di tabacco non progrediscono nella riduzione del danno

New York, 23 Settembre 2020 - Tobacco Transformation Index, è l'indice che rileva come la maggior parte delle 15 maggiori aziende produttrici...

3rd SCIENTIFIC SUMMIT on TOBACCO HARM REDUCTION: NOVEL PRODUCTS, RESEARCH & POLICY

Scientific Summit on Tobacco Harm Reduction, evento che si tiene ogni anno ad Atene, è una conferenza in cui vengono discussi i benefici e i rischi associati all'uso alternativo di prodotti del tabacco.

PROIBIZIONISMO vs. LIBERALISMO NELLA LOTTA AL TABAGISMO

Anni di lotta al fumo di sigaretta hanno dato vita alle basi ideologiche per puntare il dito anche contro le elettroniche. Il fallimento del modello proibizionista dovrebbe far comprendere la necessità di un approccio più liberale, quasi olistico

Non toccare il fumo! Il senso del tatto nella smoking cessation

Con l’avvento sul mercato dei dispositivi a rischio ridotto e il diffondersi del concetto di riduzione del danno e relative strategie, si è capito come il fumare in se e per sè sia un’esperienza emozionale e sensoriale molto più complessa da eradicare. Non una semplice dipendenza dall’atto, ma un legame emotivo profondo che si instaura con un’abitudine che ci accompagna in momenti della vita particolari