30.1 C
Catania
sabato, Luglio 11, 2020
Home Iniziative 31 maggio 2010 “Giornata mondiale senza tabacco”

31 maggio 2010 “Giornata mondiale senza tabacco”

Anche per il 2010, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) promuove la “Giornata Mondiale senza Tabacco”. Quest’anno il tema scelto per l’iniziativa, giunta alla sua 24esima edizione, è interamente dedicato alle donne che fumano o che sono esposte ai rischi del fumo passivo.

Oramai anche le donne, secondo i dati dell’OMS, corrono gravi pericoli legati al tabagismo, come tumore al polmone, al seno, infertilità, disturbi durante la gravidanza e invecchiamento precoce. Sono circa 200 milioni le donne fumatrici nel mondo, stima destinata ad aumentare in quanto il picco massimo di dipendenza da tabacco non è ancora stato raggiunto. Nel 2030 potrebbero arrivare a 2,5 milioni il numero di decessi di donne legati al fumo. Il 64% delle morti imputabili al fumo passivo è rappresentato da donne. Secondo la Lega Italiana contro i Tumori (LILT), negli ultimi 50 anni la percentuale di donne fumatrici in Italia è passata dal 6,2% al 17%. Di conseguenza risultano incrementate le morti femminili per cancro polmonare; l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC) riporta che su 35 mila morti l’anno per tumore ai polmoni ben 6 mila sono donne, facendo sì che questo sia per il sesso femminile la seconda causa di morte oncologica dopo il tumore al seno.

Pertanto, controllare la diffusione epidemica dell’uso della sigaretta tra le donne è una parte importante di una strategia globale di controllo della diffusione del tabacco. Questa Giornata Mondiale senza Tabacco 2010 richiama l’attenzione sugli effetti nocivi del marketing delle potenti multinazionali del tabacco mirato alle donne e in particolare alle ragazze giovani.

La Lega Italiana AntiFumo (LIAF), in linea con questa iniziativa dell’OMS, coglie anche quest’anno l’occasione per ribadire l’importanza di smettere di fumare e per un maggior impegno per la tutela della salute delle donne. In collaborazione con il Centro Prevenzione e Cura del Tabagismo (CPCT) dell’Azienda Ospedaliero Universitaria “Policlinico – Vittorio Emanuele” (Università di Catania) e con Pfizer Italia, LIAF conferma il suo impegno nel campo della prevenzione dei danni causati dal fumo di tabacco con una iniziativa unica nel suo genere: “SMETTERE TI FA BELLA”. L’obiettivo è quello di sensibilizzare le donne fumatrici perché comprendano l’importanza della prevenzione dei tumori e delle malattie fumo-correlate.

Con questa finalità è stato pianificato un programma antifumo specifico per tutte le donne fumatrici che vogliono smettere e che si prenoteranno nei giorni 31 Maggio, 1, 3, 4 e 5 di Giugno. Per prenotare la visita antifumo e la terapia gratuita basterà telefonare al 095.7436413  nei giorni sopraindicati dalle ore 8:00 alle 12:30. Un team di medici, psicologi e ricercatori del CPCT e di volontari della LIAF e del Servizio Civile offriranno assistenza professionale a tutte le fumatrici che si prenoteranno.

3,266FansLike
211FollowersFollow

Ultimi articoli

FDA: le IQOS (dispositivi che non bruciano) sono a rischio modificato

Secondo le nuove linee guida, l'IQOS è un “modified-risk tobacco product application” – MRTPA, ovvero un "dispositivo a rischio modificato". Ciò significa che può essere commercializzato come un prodotto che non danneggia come le sigarette convenzionali avendo, come dimostrato da diversi studi, delle caratteristiche diverse.

Sigaretta ed ecig: qualche differenza nella dipendenza per i vapers?

Uno studio americano ha analizzato i dati provenienti dal PATH (Population Assessment of Tobacco and Health) nel periodo tra il 2013 e il 2016 e ha rilevato che l'utilizzo di ecig è associato a livelli di dipendenza da nicotina più bassi rispetto al fumo della sigaretta convenzionale

Storie di ex fumatori: il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo

Il rapporto con il fumo di Salvatore Grillo, per la rubrica Storie di Ex Fumatori, della nostra giornalista Gabriella Finocchiaro.

Fumo e COVID19: i fumatori ospedalizzati sono molto meno del previsto ma hanno già una malattia più grave

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista "Therapeutic Advances in Chronic Disease" fornisce importanti informazioni sulla questione legata al fumo e al COVID-19. Il numero di fumatori affetto da COVID-19 e che richiede il ricovero in ospedale è di gran lunga inferiore al previsto in base ai tassi di fumo della popolazione. I pochissimi fumatori che alla fine sono ricoverati in ospedale hanno maggiori probabilità di malattie gravi ed esiti negativi